Banche, i pagamenti internazionali pronti a integrarsi con le tesorerie aziendali

/Banche, i pagamenti internazionali pronti a integrarsi con le tesorerie aziendali



I pagamenti transfrontalieri, a partire da quelli istantanei, sono pronti a integrarsi direttamente con i sistemi di tesoreria
di istituti bancari e aziende. Swift ha annunciato di aver avviato una fase di sperimentazione insieme a dodici banche internazionali,
Intesa Sanpaolo e UniCredit per l’Italia, e a dieci multinazionali, tra cui Airbus, General Electric, Lvmh e Microsoft.

Il nuovo standard, secondo un comunicato di Swift, agevola il processo connesso ai pagamenti permettendo alle tesorerie aziendali
di avviare e tracciare transazioni internazionali sulla base del sistema Gpi da e per banche diversificate in un unico formato
e di integrare i flussi nei sistemi Erp e di gestione di tesorieria aziendale. La soluzione adatta quindi il sistema Global
paymentas innovation (Gpi) fornendo una soluzione unica per tutte le banche aderenti.

A più di un anno dalla partenza operativa, sul sistema Gpi di Swift, cui aderiscono oltre 180 banche globali, transitano oggi
in media 160mila transazioni al giorno per un controvalore di 100 miliardi, ormai un terzo dei pagamenti crossborder gestiti complessivamente dal provider globale. Operazioni che per il 50% vengono concluse effettivamente, con l’accredito
della somma, entro 30 minuti e per la quasi totalità entro le 24 ore, con la garanzia della piena tracciabilità del denaro.
A oggi sono stati effettuati 35 milioni di pagamenti Gpi in più di cento valute. In alcuni “corridoi” maggiori, tra cui quello
Cina-Usa, Gpi rappresenta quasi il 50% del traffico da pagamenti.

I partecipanti avvierano una fase di test prima di mettere in produzione il sistema nell’arco di pochi mesi, fornendo alle
aziende «maggiore visibilità e trasparenza, migliorando la sicurezza, la tracciabilità, la gestione delle eccezioni e permettendo
alle aziende di riconciliare direttamente le transazioni nelle operazioni di tesoreria».

© Riproduzione riservata



Sorgente – ilsole24ore.com

2018-07-25T17:30:08+00:0025 luglio 2018|Feed Il Sole 24 Ore|0 Commenti

Lascia un commento

WhatsApp chat