Un corteggiamento lungo, durato oltre un anno e mezzo, ma da oggi finalmente anche i clienti di Intesa Sanpaolo possono usare Apple Pay. Non era passato infatti inosservato il
fatto chela banca italiana sbarcasse prima su Samsung Pay, ma ora l’accordo con Apple c’. Apple Pay sar disponibile su tutte le carte di credito, sulle carte prepagate e sulle carte
di debito XME Card emesse dal Gruppo Intesa Sanpaolo.

ll numero della carta non viene mai memorizzato, n sul device, n sui server di Apple. Viene invece assegnato un numero identificativo
univoco, criptato e archiviato in modo sicuro nell’elemento protetto del proprio dispositivo. Ciascuna transazione autorizzata
con un unico codice di protezione dinamico, che cambia di volta in volta.


Come funziona Apple Pay
Apple Pay ha diversi utilizzi. Il primo quello che trasforma l’iPhone in una carta di credito: basta avvicinare il telefono
al POS contactless e usare il lettore di impronte digitali per essere autenticati ed effettuare il pagamento. Il servizio
funziona da iPhone 6 in poi, oppure con Apple Watch. Il secondo utilizzo per i pagamenti all’interno delle app, specie con
servizi usati saltuariamente dove non abbiamo un account con carta registrata, oppure nei siti web compatibili.

I competitor: da Google Pay e Satispay
Le offerte sono ormai diverse. I principali sono Apple Pay, che con Intesa diventa pi competitivo, Samsung Pay e l’italiana
Satispay. E da settembre c’ Google Pay. Questi servizi utilizzano la tecnologia NFC (Near Field Communication) per effettuare pagamenti contactless, anche se Samsung
affianca a questo sistema anche la MST (Magnetic Secure Transmission) che consente di pagare su tutti i POS in circolazione,
senza doversi preoccupare del fatto che siano contactless. Satispay diverso dagli altri sistemi perch non usa tecnologia
nfc e al posto di agganciarsi a una carta si aggancia a un qualsiasi Iban con un modello di digital wallet (qui un elenco con altri servizi simili).

© Riproduzione riservata



Sorgente – ilsole24ore.com