Netflix ha annunciato che alzer i prezzi per i suoi abbonamenti in dollari (Stati Uniti e America latina) del 13-18%, l’aumento
maggiore da quando ha lanciato i suoi servizi in streaming, dodici anni fa. Il piano pi popolare subir il maggior aumento,
da 11 a 13 dollari: permette a due dispositivi di essere collegati contemporaneamente in qualit HD. A Wall Street il titolo
guadagna circa il 6%. Anche l’ultimo aumento, a ottobre 2017, fu festeggiato da Wall Street: per quanto gli utenti crescano
nel mondo Netflix non ha altra scelta, ha bisogno di nuovi contenuti per far fronte a uno scenario competitivo in fermento,
scrive l’analista di Above Avalon Neil Cyba. E dunque soldi da investire, monetizzando la grossa base utenti.


Il servizio pi costoso, con immagini in 4k e la possibilit di connettere 4 dispositivi insieme, salir da 14 a 16 dollari.
Il servizio base, senza HD, passer da 8 a 9 dollari. I prezzi in euro sono gli stessi, ma al momento l’aumento riguarda solo i Paesi in cui la tariffazione in dollari e dunque gli Stati Uniti e larga parte dell’America Latina
a eccezione di Messico e Brasile
. La posizione ufficiale di Netflix che gli aumenti dei prezzi sono specifici per ogni Paese e l’aumento negli Stati Uniti
non influenza o indica un aumento locale dei prezzi. L’ultimo aumento in Italia arriv con altri Paesi a ottobre 2017.

Scrive AP che le nuove tariffe impatteranno immediatamente sui nuovi abbonati, mentre gli aumenti per chi ha gi un abbonamento
arriveranno nei prossimi 3 mesi. Il ceo Reed Hastings aveva detto in passato che l’aumento dei prezzi si sarebbe reso necessario
per investire in nuove serie originali o acquistare le licenze da terzi.


Come scrive The Verge, Netflix deve sostenere costi piuttosto rilevanti: i diritti di Friens, per fare un esempio popolare,
sono costati 100 milioni di dollari. Quanto ai contenuti originali, nel 2018 aveva 700 titoli e quest’anno cresceranno. Secondo
i dati pi recenti Netflix ha 58 milioni di abbonati negli Stati Uniti e 80 milioni nel mondo. E l’investimento strategico
nel momento in cui il fronte competitivo aumenta con Disney+, WarnerMedia, l’annunciato servizio di NBCUniversal, e in futuro Apple.

Netflix l’anno scorso ha bruciato 3 miliardi di dollari e anche quest’anno atteso un risultato simile. La societ si pi
volte finanziata sul mercato: a ottobre aveva emesso junk-bond (vale a dire delle obbligazioni che hanno rating “spazzatura” e quindi pagano interessi pi alti), in euro e dollari, per
2 miliardi di dollari.

© Riproduzione riservata



Sorgente – ilsole24ore.com