Robinhood, campione delle commissioni zero, ora vuol diventare banca

/Robinhood, campione delle commissioni zero, ora vuol diventare banca


Robinhood diventata famosa per la sua piattaforma di trading a commissioni zero, che ha conquistato quattro milioni di consumatori negli Stati Uniti. E che ha fatto lievitare la sua valutazione a 5,6 miliardi di dollari nell’ultimo round di finanziamenti, giusto il mese scorso.

Ora la fintech punta a diventare una vera e propria banca. Almeno cos sarebbe stando alle indiscrezioni raccolte da Bloomberg secondo cui Robinhood, che secondo le regole attuali non pu operare come una banca, starebbe infatti trattando con le authority finanziarie per arrivare a offrire prodotti bancari come conti correnti, sia attraverso licenze dirette che mediante partenership.

Incontri costruttivi sarebbe stati tenuti con l’Office of the Comptroller of the Currency, competente per le banche nazionali Usa, ma i negoziati sono ancora in corso e potrebbero essere sospesi in qualsiasi momento.

Finora la gran parte delle startup fintech hanno preferito offrire prodotti bancari mediante partnership con istituzioni esistenti, proprio per la complessit della regolementazione bancaria. Se Robinhood confermasse le sue intenzioni di operare con licenze vere e proprie andrebbe a consolidare un trend al momento ancora timido che ha visto alcune startup, come Social Finance e Stash Financial, avviarsi lungo questo percorso.

La strategia del fintech proprio quella di raccogliere una solida clientela, con rapporti consolidati e basati sulla fiducia, a cui offrire in seguito servizi bancari che garantiscano una user experience migliore, rendimenti pi elevati e minori costi, strappando clienti agli istituti tradizionali.

Non c’ dubbio che, come dichiarato pi volte dai fondatori, il consolidamento delle relazioni con i clienti sia una priorit strategica anche per Robinhood, nel cui capitale sono presenti investitori del calibro di Sequoia Capital, Kleiner Perkins Caufield & Byers, Iconiq Capital e CapitalG, il fondo d’investimento di Alphabet. La fintech ha gi avviato l’anno scorso il trading sulle criptovalute e su alcune opzioni. Sempre tutto senza commissioni.

© Riproduzione riservata



Sorgente – ilsole24ore.com

2018-06-26T15:50:08+00:0026 Giu 2018|Feed Il Sole 24 Ore|0 Commenti

Scrivi un commento

WhatsApp chat